ELbA
Da questo link č possibile accedere alla ricerca avanzata all'interno del sito
 
           
 
rss
home mappa e mail  
  come iscriversi * sicurezza e ambiente * fondartigianato  
CHI SIAMO
ASSOCIAZIONI ARTIGIANE E SINDACALI
I CONTRATTI DI LAVORO E GLI ACCORDI
COME VERSARE AD ELBA
PROVVIDENZE
MODULISTICA
EBA SUL TERRITORIO
calendario
Precedente Aprile 2016 Successivo
DLMMGVS
         
01
02
03
04
05
06
07
08
09
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
Venerdě, 29 Aprile, 2016
Eventi
 
Scadenze
 
 
NUOVO VERSAMENTO ELBA 2016

NUOVA MODALITÀ DI VERSAMENTO ANNO 2016

 

 

VERSAMENTO EBNA-FSBA: imprese NON soggette a trattamenti di integrazione salariale

 

Il versamento del 2016, tramite modello F24, comprende:

  • € 7,65 per ogni dipendente in forza 
  • quota variabile pari allo 0,45% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali a carico dell'azienda per FSBA
0,23 per ogni dipendente in forza da pagare mensilmente all’INPS inserendo il codice M980 (10% contributo di solidarietà) nel modulo UNIEMENS INDIVIDUALE - UNIEMENS AGGREGATO - ex DM/10 di competenza del mese per il quale viene versata la quota di € 7,65

 

SOLO per le imprese della provincia di Como (le quote sotto riportate includono il Contributo Obbligatorio Provinciale):

  • € 8,07 per ogni dipendente in forza 
  • quota variabile pari allo 0,45% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali a carico dell'azienda per FSBA
€ 0,26 per ogni dipendente in forza, da pagare mensilmente all’INPS inserendo il codice M980 (10% contributo di solidarietà) nel modulo UNIEMENS INDIVIDUALE - UNIEMENS AGGREGATO - ex DM/10 di competenza del mese per il quale viene versata la quota di € 8,07.

 

La “retribuzione imponibile previdenziale” sulla quale calcolare le quote variabili della contribuzione destinata a FSBA è determinata in applicazione delle disposizioni generali di legge. La retribuzione imponibile utile al calcolo, pertanto, include anche le mensilità aggiuntive contrattualmente previste.

In assenza di retribuzione imponibile previdenziale nel mese (es. maternità; infortunio ecc.), resta comunque dovuta la quota fissa della contribuzione.

 

VERSAMENTO EBNA/FSBA e QUOTA WILA: imprese NON soggette a trattamenti di integrazione salariale

Per facilitare la compilazione del modello F24, per l'anno 2016, si indica di seguito la somma delle quote EBNA/FSBA+quota WILA.

Si ricorda che le tipologie di dipendenti che aderiscono ai due Fondi possono essere differenti, pertanto si consiglia di verificare se e quando è dovuto il pagamento, consultando su entrambi i siti la sezione "LAVORATORI SOGGETTI ALLA CONTRIBUZIONE" (www.wila.it)

 

Il versamento del 2016, tramite modello F24, comprende:

  • € 9,15 (€ 7,65 + € 1,50) per ogni dipendente in forza
  • quota variabile pari allo 0,45% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali a carico dell'azienda per FSBA
€ 0,38 (€ 0,23 + € 0,15) per ogni dipendente in forza da pagare mensilmente all’INPS inserendo il codice M980 (10% contributo di solidarietà) nel modulo UNIEMENS INDIVIDUALE - UNIEMENS AGGREGATO - ex DM/10 di competenza del mese per il quale viene versata la quota di € 9,15.

 

SOLO per le imprese della provincia di Como (le quote sotto riportate includono il Contributo Obbligatorio Provinciale):

  • € 9,57 (€ 8,07 + € 1,50) per ogni dipendente in forza 
  • quota variabile pari allo 0,45% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali a carico dell'azienda per FSBA
€ 0,41 (€ 0,26 + € 0,15) per ogni dipendente in forza, da pagare mensilmente all’INPS inserendo il codice M980 (10% contributo di solidarietà) nel modulo UNIEMENS INDIVIDUALE - UNIEMENS AGGREGATO - ex DM/10 di competenza del mese per il quale viene versata la quota di € 9,57.

 

La “retribuzione imponibile previdenziale” sulla quale calcolare le quote variabili della contribuzione destinata a FSBA è determinata in applicazione delle disposizioni generali di legge. La retribuzione imponibile utile al calcolo, pertanto, include anche le mensilità aggiuntive contrattualmente previste.

In assenza di retribuzione imponibile previdenziale nel mese (es. maternità; infortunio ecc.), resta comunque dovuta la quota fissa della contribuzione.

 

VERSAMENTO EBNA: imprese soggette a trattamenti di integrazione salariale

Le imprese per le quali trovano applicazione i trattamenti di integrazione salariale previsti dal Titolo I del DLgs 148/2015 (es. imprese industriali soggette a Cigo e/o Cigs, imprese artigiane dell'indotto con più di 15 dipendenti soggette a Cigs, etc..) proseguiranno a versare € 125 annui in ragione dell'applicazione dei contratti nazionali di lavoro e delle prestazioni loro erogate.

 

Il versamento del 2016, tramite modello F24, comprende:

  • € 10,42 per ogni dipendente in forza 
0,50 per ogni dipendente in forza da pagare mensilmente all’INPS inserendo il codice M980 (10% contributo di solidarietà) nel modulo UNIEMENS INDIVIDUALE - UNIEMENS AGGREGATO - ex DM/10 di competenza del mese per il quale viene versata la quota di € 10,42.

 

SOLO per le imprese della provincia di Como (le quote sotto riportate includono il Contributo Obbligatorio Provinciale):

  • € 10,84 per ogni dipendente in forza 

€ 0,53 per ogni dipendente in forza, da pagare mensilmente all’INPS inserendo il codice M980 (10% contributo di solidarietà) nel modulo UNIEMENS INDIVIDUALE - UNIEMENS AGGREGATO - ex DM/10 di competenza del mese per il quale viene versata la quota di € 10,84.

 

VERSAMENTO EBNA e QUOTA WILA: imprese soggette a trattamenti di integrazione salariale

 

Le imprese per le quali trovano applicazione i trattamenti di integrazione salariale previsti dal Titolo I del DLgs 148/2015 (es. imprese industriali soggette a Cigo e/o Cigs, imprese artigiane dell'indotto con più di 15 dipendenti soggette a Cigs, etc..) proseguiranno a versare € 125 annui in ragione dell'applicazione dei contratti nazionali di lavoro e delle prestazioni loro erogate.

 

Per facilitare la compilazione del modello F24, per l'anno 2016, si indica di seguito la somma delle quote EBNA+quota WILA.

Si ricorda che le tipologie di dipendenti che aderiscono ai due Fondi possono essere differenti, pertanto si consiglia di verificare se e quando è dovuto il pagamento, consultando su entrambi i siti la sezione "LAVORATORI SOGGETTI ALLA CONTRIBUZIONE" (www.wila.it)

 

 

Il versamento del 2016, tramite modello F24, comprende:

 

  • € 11,92 (€ 10,42 + € 1,50) per ogni dipendente in forza 
0,65 (€ 0,50 + € 0,15) per ogni dipendente in forza da pagare mensilmente all’INPS inserendo il codice M980 (10% contributo di solidarietà) nel modulo UNIEMENS INDIVIDUALE - UNIEMENS AGGREGATO - ex DM/10 di competenza del mese per il quale viene versata la quota di € 11,92.

 

SOLO per le imprese della provincia di Como (le quote sotto riportate includono il Contributo Obbligatorio Provinciale):

  • € 12,34 (€ 10,84 + € 1,50) per ogni dipendente in forza 

€ 0,68 (€ 0,53 + € 0,15) per ogni dipendente in forza, da pagare mensilmente all’INPS inserendo il codice M980 (10% contributo di solidarietà) nel modulo UNIEMENS INDIVIDUALE - UNIEMENS AGGREGATO - ex DM/10 di competenza del mese per il quale viene versata la quota di € 12,34.

 

LAVORATORI SOGGETTI ALLA CONTRIBUZIONE EBNA/FSBA

La contribuzione a EBNA-FSBA è dovuta per tutti i lavoratori dipendenti, sia a tempo determinato che a tempo indeterminato, indipendentemente dalla tipologia contrattuale. Anche in caso di assunzione e cessazione in corso di mese, la contribuzione a FSBA resta interamente dovuta.

Per le categorie:

  • part-time e apprendisti, la quota fissa è sempre dovuta in misura intera (7,65 euro mensili)
  • lavoratori a domicilio e i dirigenti, la contribuzione non è dovuta
  • lavoratori a chiamata, la quota fissa della contribuzione (7,65 euro mensili), in presenza di attività lavorativa, è sempre dovuta in misura intera; mentre, in assenza di attività lavorativa (a seguito di chiamata) e di indennità di disponibilità, non è dovuta
  • lavoratori CCNL Edilizia, sono esclusi
La quota variabile della contribuzione risulta automaticamente riproporzionata in base all'imponibile previdenziale del mese.

Recupero di versamenti arretrati

Le mensilità arretrate si versano con il primo F24 utile specificando ogni mese recuperato su una singola riga.

  • Es: la ditta si iscrive il 3/3/2016, primo dipendente assunto 3/11/2015. Versa tramite F24 di marzo 2016 il mese di 3/2016 (pagato entro il 16/4/2016), recupera i mesi di 11/2015 + 12/2015 + 1/2016 + 2/2016 specificandoli su 4 righe differenti. Si ricorda che la base occupazionale per il calcolo è da intendersi quella relativa al mese che si sta recuperando.

 

Come compilare il modello F24 sezione INPS (Risoluzione n.70/2010 Agenzia delle Entrate):

  1. nel campo “causale di contributo” indicare EBNA (NB: si ricorda che l’unico codice valido con il quale versare, sulla base degli accordi delle Parti Sociali, è EBNA e nessun’altro! Quindi NO EBPA, NO EBAR, etc..);
  2. nel campo “codice sede” indicare il codice della sede INPS competente;
  3. nel campo “matricola INPS/codice INPS/filiale azienda” indicare la matricola INPS dell’azienda;
  4. nel campo “peridodo di riferimento”, nella colonna “da mm/aaaa” sono indicati il mese e l’anno di competenza, nel formato MM/AAAA (la colonna “a mm/aaaa NON è da compilare);
  5. nel campo “importi a debito versati” inserire l’importo totale dovuto;
  6. il campo “importi a credito compensati” NON è da compilare.      

Come compilare l'Uniemens:

  1. nella sezione "denuncia individuale" occorre valorizzare il codice EBNA (INPS, circ.122/2010), nell'elemento -CodConv- dell'elemento -Conv-, con il relativo importo mensile, composto sia dalla quota fissa che dalla quota variabile, e il relativo mese di competenza del versamento effettuato nell'attributo -Periodo-.

 

 

 

IMPORTANTE!

1) Facoltà di compensazione con crediti fiscali e contributivi delle imprese:

Con riferimento alla circolare n.437 del 11/04/2012, relativa all'oggetto, EBNA ci comunica che  a causa alcuni problemi insorti con l’INPS e l’Agenzia delle Entrate, si ritiene opportuno sospendere tali compensazioni.
 

2) Nei casi di erroneo versamento alla bilateralità, errato importo o duplicazione di versamento (unicamente effettuato tramite F24) le imprese devono seguire la procedura di rimborso indicata sul sito di EBNA (procedura su sito di EBNA clicca qui).

La richiesta di rimborso dovrà essere inviata ad ELBA Regionale tramite PEC all'indirizzo: amministrazione@pec.elba.lombardia.it .

Per la Lombardia, non è applicabile la facoltà di conguaglio, in quanto le quote versate in eccedenza non potranno essere accantonate per versamenti futuri.

Esempio - F24 di marzo 2016 versato due volte. La quota in eccedenza non potrà essere considerata a copertura di un mese futuro (ad esempio Aprile 2016), qualora invece mancasse un mese precedente (ad esempio gennaio 2016), a seguito di comunicazione da parte dell'azienda, si procederà alla regolarizzazione del mese scoperto.

 

3) PROCEDURE da seguire in caso di versamenti F24 non eseguiti correttamente:

  • Pagamento effettuato con codice sede non appartenente alla regione Lombardia:

    E’ necessaria lettera su carta intestata della ditta (inviata anche tramite studi/associazioni) indirizzata ad Elba – Area Amministrazione in cui l’azienda chiede di procedere al recupero del versamento, stornando l’importo versato ad un’altra regione. Alla richiesta bisognerà allegare copia del F24 errato e relativo uniemens. Utilizzare l’indirizzo amministrazione@pec.elba.lombardia.it

  • Versamenti effettuati attraverso compensazione con crediti IVA:

    E’ necessaria lettera su carta intestata della ditta (inviata anche tramite studi/associazioni) indirizzata ad Elba – Area Amministrazione in cui l’azienda dichiara di aver provveduto a compensare il versamento EBNA di n. …. mesi con crediti IVA.

    Alla comunicazione bisognerà allegare copia del F24 dove risulta la compensazione e relativo uniemens. Utilizzare l’indirizzo amministrazione@pec.elba.lombardia.it

  • Versamenti effettuati con codici diversi da EBNA (es.ENBA, EBPA, etc..):

              La ditta dovrà rivolgersi all'Agenzia delle Entrate e versare nuovamente il contributo EBNA.

 

IMPRESE ASSOCIATE ALLA FEDERPANIFICATORI

Si specifica che qualora le ditte fossero associate alla FEDERPANIFICATORI non sono tenute ad effettuare il versamento ad ELBA.

 

IMPRESE DEL SETTORE DEI FLOROVIVAISTI

Sulla base del rinnovo contrattuale del 'Settore agricoltura' del 22/10/2014 (comprendente anche i FLOROVIVAISTI) e la convenzione tra INPS e EBAN - Ente Bilaterale Agricolo Nazionale, a partire dall'anno 2015 le imprese applicanti il CCNL FLOROVIVAISTI non dovranno più versare ad ELBA, bensì aderire ad EBAN.

 


linea di separazione
Data ultimo aggiornamento: 18/02/2016



ELbA Viale Vittorio Veneto 16/a - 20124 MILANO - Tel. (02) 29400754 - Fax (02) 29402684 - info@elba.lombardia.it
info@elba.lombardia.it